fbpx

Scopri qui se anche tu hai la pelle sensibile

pelle sensibile

Sai riconoscere una pelle sensibile?

Succede che una mattina ci si alza e, guardandosi nello specchio, si scoprono minuscole macchioline rosse sul viso che il giorno prima non c’erano.

Ma succede anche di sentirsi assaliti improvvisamente da pizzicori e pruriti sparsi sulla pelle che vanno e vengono  e che a furia di grattare si trasformano in eritemi dolenti al tatto.

C’è chi li definisce “fenomeni diffusi” e ancora più spesso “normalissimi sfoghi ” da pelle sensibile.

« Mi hanno detto che ho la pelle sensibile; ma che sarà mai? Sono anni che ci convivo.»

« Mi passo su un velo di primer, una pennellata di terra, un filo di blush e non si vede più niente.»

A parte i bimbi e le persone con carnagione chiarissima, fototipi I e II per i quali un’ipersensibilità cutanea è cosa certa, la categoria di persone che si definiscono” dalla pelle sensibile” abbraccia anche profili al di sopra di ogni sospetto”.

In realtà c’è ben poco di “normale” in questi episodi e prima di “ sotterrare” il problema sotto qualche strato di makeup, varrebbe la pena fare un minimo d’indagine.

 

 

Cerchiamo di saperne di più

Una chiacchierata approfondita con un dermatologo informato, un bravo nutrizionista, o un medico olistico dalla panoramica ampia ad esempio, potrebbe aiutarci a scoperchiare un vaso di Pandora, nel quale molto probabilmente troveremo: intolleranze alimentari, allergie al nichel, reazioni chimiche da contatto, problemi ormonali, stress, forte emotività e tanto altro.

Qualcuno potrebbe chiedersi cosa c’entra lo stato emozionale e quello che mangiamo con i problemi di pelle. Ogni parte del nostro organismo è in qualche modo correlata all’altra.

Ci sono connessioni strettissime tra le fibre nervose dello stomaco con quelle del derma. E’ un vero e proprio lavoro di squadra quello che c’è tra sistema nervoso, intestino e pelle.

Si parla spesso di “ riflesso gastrico facciale” dove lo stato di salute dell’apparato gastrointestinale e della sua flora batterica è influenzato dalla tolleranza o meno del cibo che consumiamo e da fattori di stress fisici ed emotivi che affrontiamo ogni giorno. Pertanto, questo delicatissimo ecosistema a sua volta, andrà a condizionare lo stato di salute della pelle del viso, come nel caso ad esempio della rosacea.

Nel calderone delle possibilità scatenanti e altamente sensibilizzanti per la pelle, non dovremmo trascurare anche esposizioni poco protette ai raggi ultravioletti che, con il potere energetico concentrato che posseggono, potrebbero essere la causa di una vasodilatazione e quindi un aumento e ristagno del flusso ematico, soprattutto in persone con predisposizione costituzionale e famigliare.

Una continua vasodilatazione, infatti provocherà un’alterazione della barriera cutanea e quindi una costante perdita d’acqua attraverso l’epidermide e un impoverimento delle sostanze nutritive che compongono il film idroacidolipidico, così importanti per la salute e la bellezza della nostra cute.

La pelle diventerà  inevitabilmente più secca, reattiva e soggetta ad eritemi frequenti, dermatiti e couperose.

pelle sensibile

Cosa possiamo fare per rendere la nostra pelle più forte?

Guardando le cose a 360°, una pelle forte sarà connessa ad un organismo sano. Per migliorare lo stato di benessere della cute, è necessario lavorare su diversi fronti.

Attraverso ad esempio ad un’azione di terreno, ripopolando la flora intestinale  con probiotici mirati, ma anche allontanando scorie e tossine con erbe specifiche e inserendo un’alimentazione adeguata in armonia con la nostra biochimica. Questi sono tutti passi importanti  per contrastare le infiammazioni gastrointestinali che si riflettono su quelle epidermiche.

pelle sensibile

E sulla pelle cosa mi metto?

Una pelle sensibile per diminuire la sua reattività necessita prima di tutto di essere detersa con sostanze compatibili e non aggressive, essere protetta dall’esposizione solare e il forte calore, essere idrata e nutrita in linea con la sua sensibilità:

 

a cura di Manuela Frigatti

 

 

Ti potrebbe interessare

Si la prima a commentare “Scopri come i Fiori di Bach possono diventare i tuoi alleati nelle sfide di tutti i giorni”

"" è stato aggiunto alla wishlist

error: Vietata la riproduzione non autorizzata.