La parola “ invecchiamento “ stimola quell’immagine di decadimento fisico che ci tocca un po’ tutti da vicino.  Nonostante ciò, l’idea dell’acquisizione di una decantata saggezza, conquistata da anni di esperienza e perfettamente incarnata da ogni singola ruga che segna la nostra pelle, diventa quel sinonimo di conforto magistralmente espresso dai pensieri di grandi personaggi come Marc Levy:

« Le rughe della vecchiaia formano le più belle scritture della vita, quelle sulle quali i bambini imparano a leggere i loro sogni.  »

 

Attori e attrici famose del calibro di A. Hepburne, Anna Magnani, B.Bardot o della grande Virna Lisi hanno accolto il fluire del tempo senza dannarsi l’anima al bisturi. Questa scelta, dettata da un’intelligenza, a mio parere, superiore nonchè da un carisma oltre la forma, non esclude il doveroso rispetto verso la propria pelle e il mantenimento della sua salute.

Perché la pelle invecchia?

Nel corso degli anni e più esattamente a partire dai 30 anni, l’attività dei fibroblasti, cellule particolari ricche di collagene, fibre reticolari, fibre elastiche, acqua, sali, proteoglicani, glicosaminoglicani  e glicoproteine si riduce. Così, anche la capacità di trattenere l’acqua, che conferisce al tessuto cutaneo quel bell’aspetto disteso diminuisce, traducendosi a livello superficiale in un visibile raggrinzimento della pelle e ad un aspetto meno elastico.

Questa perdita di elasticità, favorita anche dall’aumento della parte fibrosa e dal fisiologico accumulo di scorie nel tessuto cutaneo, a causa del rallentamento dell’attività drenante del microcircolo poco stimolato, innesca uno stato d’invecchiamento cutaneo. Ad aggiungersi, come effetti negativi correlati al processo d’invecchiamento sono l’assottigliamento epidermico, la diminuzione delle secrezioni sebacee e sudorali, nonché la perdita di tono muscolare dei tessuti.

Come prendersi cura della pelle e della sua elasticità

Sebbene l’orologio biologico segua il suo ritmo, possiamo intervenire con piccole accortezze quotidiane che agiscono sulle cause esterne, soprattutto prevenendo. Vediamo come:

·         adeguata protezione all’esposizione ai raggi UVA

·         un’alimentazione ricca di antiossidanti e acqua pura

·         riposo notturno

·         difesa della pelle dall’inquinamento ambientale

·         scambio d’ossigeno grazie a passeggiate all’aria aperta

·         evitare di fumare

 

 

 

Scelta cosmetica consapevole

 

Anche la scelta dei cosmetici che contrastino l’invecchiamento, migliorando la riduzione della cheratina che si concentra sulla superficie e aumentando l’apporto d’acqua epidermico deve essere mirata e consapevole.

La ricerca in campo cosmetico ha fatto passi da gigante nelle preparazioni antiage, ma la Natura rimane sempre la migliore maestra cui rivolgerci.

Pensiamo alla Mela, ad esempio che agisce sulla pelle come profondo rimpolpante, meraviglioso idratante e correttore di macchie e discromie.

Appartenente alla famiglia delle Rosacee (malus communis melo) la Mela è un frutto povero di proteine, zuccheri e calorie, ricchissimo di Vitamine( C, PP, B1, B2, A, E), di  Sali minerali quali Potassio, Zolfo, Fosforo, Calcio, Magnesio, Sodio, Ferro, Manganese, Silicio, Rame, Iodio e Zinco e di acidi della frutta altamente antiossidanti ( acido citrico e acido malico)dagli effetti antietà straordinari.



Stai Bene® propone la sua Linea Viso alla Mela altamente dermo- compatibile a base di Olio di semi, di estratto, di polpa e di cellule staminali di questo frutto meraviglioso. Arricchita da acido ialuronico ad alto peso molecolare la Linea alla Mela combattendo l’invecchiamento cellulare, regala alla pelle del Viso:

·         idratazione profonda

·         elasticità

·         effetto antiossidante mirato

·          

a cura di Manuela Frigatti

scopri qui la Linea Viso rigenerante alla Mela