La pelle è la barriera sottile e impalpabile che ci avvolge completamente, proteggendoci dall'ambiente esterno.

Essa è l’organo più esteso che abbiamo con cui viviamo uno stretto rapporto chimico fisico intimo e costante.

La pelle ci scopre, racconta di noi e dei nostri punti di forza e delle nostre debolezze.


L’infiammazione della pelle ha molteplici facce

Per una pelle “ sensibile” ogni processo infiammatorio è quasi sempre destinato a diventare un vero e proprio incendio, anche se scatenato da un stimolo apparentemente normale o banale.

Una pelle reattiva, come dice la parola, reagisce ad ogni nonnulla creando non pochi disagi a chi ne soffre.

In molti casi, le cause di una risposta violenta della pelle sono difficilmente individuabili; in altri invece, le risposte di reazioni violente a livello cutaneo si possono trovare nelle allergie a qualche alimento specifico, squilibri ormonali ma anche forti emotività.


Pelle e intestino una convivenza difficile

Ci sono connessioni strettissime tra le fibre nervose dello stomaco con quelle del derma. E’ un vero e proprio lavoro di squadra quello che coesiste tra sistema nervoso, intestino e pelle.

Si parla spesso di “ riflesso gastrico facciale” dove lo stato di salute dell’apparato gastrointestinale e della sua flora batterica è influenzato dalla tolleranza o meno del cibo che consumiamo e da fattori di stress fisici ed emotivi che affrontiamo. Per cui, questo delicatissimo ecosistema a sua volta, andrà a condizionare lo stato di salute della pelle del viso, come nel caso ad esempio della rosacea.


Cosa dovrebbe sapere chi ha la pelle sensibile prima di esporsi al sole?

Nel calderone delle possibilità scatenanti e altamente sensibilizzanti per la pelle, non dovremmo trascurare anche le esposizioni poco protette ai raggi ultravioletti che, con il potere energetico concentrato che posseggono, potrebbero essere la causa di una vasodilatazione e quindi un aumento e ristagno del flusso ematico, soprattutto in persone con predisposizione costituzionale e famigliare.

Lo stimolo vasodilatante innesca un’alterazione della barriera cutanea e quindi una perdita d’acqua attraverso l’epidermide e un impoverimento delle sostanze nutritive che compongono il film idroacidolipidico, così importanti per la salute e la bellezza della nostra cute.

Normalmente la pelle, sotto il sole cocente e priva dell’adeguata protezione, si asciuga, diventando inevitabilmente più secca:

Una pelle reattiva e sensibile esposta alle radiazioni solari e scoperta da una barriera protettiva, è ancora più a rischio di manifestare eritemi frequenti, dermatiti e couperose.


Come aiutarsi in caso di pelle sensibile?

Una pelle sensibile per diminuire la sua reattività necessita prima di tutto di essere detersa con sostanze compatibili e non aggressive, essere protetta dall’esposizione solare e da fonti di calore eccessive.

Ma soprattutto una pelle delicata con tendenza ad arrossarsi facilmente, ha bisogno di essere curata ed idratata in maniera profonda.




Esistono dei prodotti cosmetici con principi attivi di origine vegetali specifici per supportare le pelli più sensibili, quali:

·         Flavonoidi che contrastino lo stress ossidativo come il complesso vitaminico ACE

·         Estratti botanici lenitivi e disintossicanti cutanei come l’Estratto di Luppolo, l’Estratto di Rosa, Estratto di Liquirizia

·         Sostanze capillaro- protettive, quindi antiossidanti che proteggano i capillari come il Mirtillo, il Melograno, la Centella

·         Oli vegetali ricchi di acidi grassi essenziali  che forniscano maggiore compattezza allo strato corneo, abbassando il rischio della perdita d’acqua come Olio di Mandorle- Olio di Oliva-Olio di Borragine- Olio di semi di lino resi più dermo compatibili grazie ad un trattamento enzimatico e Cera di Jojoba, Olio di Argan

·         Sostanze naturali che proteggano la pelle dai danni degli agenti atmosferici e dalle radiazioni UV come l’Oryzanolo ( tratto dall’Olio di Riso), l’Olio di Nocciolo di Albicocche

 

a cura di Manuela Frigatti